.
Annunci online

 
riganera 
riflettendo il mondo intorno
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  NAUFRAGI
MarkinoBLOG
ASSOCIAZIONE ROMANA STUDI TOLKIENIANI
SCRITTURA FRESCA
TOLKIEN IN MOSTRA
ANKE EISSMANN
DANIEL REEVE
CalibanoBLOG
ilblogdelledomandepoliticheBLOG
RicreazioneBLOG
roswitaBLOG
marinoBLOG
MalvinoBLOG
GalateaBLOG
rosastregaBLOG
  cerca


una RIGA NERA
per sottolineare
per cancellare
per evidenziare
una RIGA NERA
al centro di un prisma
dove passa la luce
e i colori si dividono
una RIGA NERA
_________________

il manifesto dell'arte da mettere da parte

Scrivere come vivere
nel senso del scrivi come mangi, 
come ti incazzi e come
compri...
scrivi per essere te stesso
e non per essere
un codificato
(intellettuale, umorista,
di destra, di
sinistra,
laziale, romanista,
pessimista, ottimista)
essere... 
io sono spesso amara nelle poesie,
buffa nelle mail,
menestrello di storie e di trame nei romanzi 
e più
libera e stramba nei racconti,
surreale negli articoli d'arte


e acida in quelli di politica...
non mi è mai piaciuto sentir dire 
di uno scrittore è
uno "serio"
e vederlo mortificato così
solo nel
settore barbe cravatta e pipa...
(a me piacciono i
sigari! vedi foto!)
mica uno è sempre 
tutta la vita
eternamente


"impegnato"... 
persino Madre Teresa di Calcutta ogni
tanto avrà detto una barzelletta 
o tirato un accidente
a qualche imbecille... 
mica se pò fare la santa a
tutte le ore!!!
insomma rivendico la possibilità 
di scrivere a secondo
del proprio stato d'animo... 
e se voglio scrivere
Harmony sono cavoli miei...
 
va bene come manifesto???



alla domanda
"descrivi Enrica con una parola!"
hanno risposto:

(Laura) SOTUTTODITUTTOUNPO'
(Gio) POLIEDRICA
(Mary) GOLOSA
(Niki) SORPRENDENTE
(Miki) SFOLGORANTE
(Adriana) INFONDOALMARE
(Giorgio) CAOTICA
(Aurora) INCREDIBILE
(Finella) ARTISTA
(Cla') ECLETTICA
(Barbara) ANONIMA....


 

Diario | le parole che cantano | cronache dalla realtà | la porta per l'altroquando | di rosso e di scarlatto | arteggiandosi | Austenblog | Ricordi |
 
Diario
113570visite.

4 ottobre 2008

Casa in formazione

Oggi ho una nuova stanza... una nuova casa e una vita mista, fra il nuovo il vecchio, il possibile e l'inimmaginabile. ..
la mia nuova stanza da letto è bianca e blu
con odiose piastrelle anni sessanta e un enorme (ma piccolissimo per me) armadio a muro a parete con le cornici blu sul bianco) 
è una stanza che potrebbe essere bella a patto che fosse ordinata
e come si fa a chiedere a me di essere ordinata? e all'altro inquilino??
e no.. non ci siamo
due cassettiere antiche grosse ingombranti e panciute non riescono a digerire tutte le robe che vorremmo stiparci dentro
il letto a baldacchino moderno circonda i nostri sogni come sempre, due lampade modernissime turchesi a illuminarci, 
un comodino solo... 
non per me 
io ho una torre verticale di libri a cui rubare un paio di ripiani per appoggiare il necessario, sveglia crema fazzoletti cellulare 
i miei quadri sono sparsi in giro sotto l'enorme lampadario impero che ha visto Napoleone danzare con qualche sinuosa dama sotto i suoi cristalli ed era sopravvissuto benissimo sino a quest'ultimo trasloco che l'ha lasciato ferito e tutto storto e sporco
illumina gli amanti sul letto, china nera e sesso, che stupiscono i visitatori abituati a croci o madonne (come se il letto fosse sacrestia.. ma che scherziamo?? ?)
una vela ripiena di conchiglie apre una finestra al mare e l'ultima tela che ho dipinto una barca a vela blu e una donna che bacia una sirena sbadiglia attendendo la cornice appoggiata di fronte... 
una tenda recuperata da tre o quattro case fa vela la finestra, è disegnata come una foresta di nebbia bianca, specchio del parco vero che illumina di verde le finestre del salotto facendo quasi dimenticare che questa è una casa di città. la tenda scende e nasconde, tutto quel che sta ammucchiato sotto la finestra così come il letto allarga le zampe a nascondere altri misfatti.
e il resto della casa?
è ancora un turbine, di libri che rotolano dalle mensole e soprammobili nascosti, di casse che si gonfiano come rospi in corridoio sbattendo l'incauto contro le librerie, di orologi a pendolo maltrattati e candelieri di cristallo terrorizzati. La gatta miagola rinchiusa nei suoi appartamenti insieme a mia figlia che canta i suoi sogni.
la cucina è un arlecchino, piattaie quadri antichi rami pentole e papere
il salotto naviga scontroso intorno al mio angolo di studio, il paravento stiracchia le dorature cinesi e il pianoforte si annoia con il tavolino di lacca sopra le spalle
siamo ancora così tutti confusi
possibilità aperte e energie in calo
ma all'ingresso sul soffitto un cielo aborigeno mi parla della Nuova Zelanda da raggiungere e mi rende il sorriso
Enrica ancora in alto mare 




permalink | inviato da riganera il 4/10/2008 alle 7:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre